info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 07/07/2020

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Jole Santelli con Berlusconi

Pubblichiamo questa inchiesta di Enrico Fierro e Lucio Musolino apparsa oggi sul Fatto. Riguarda la Calabria, ma è un esempio di come viene sprecato il denaro pubblico per promuovere l'immagine regionale che riguarda tante altre realtà, compresa quella campana.

 

Per promuovere il “brand Calabria”, e farlo in modo “emozionale”, arriva in riva allo Stretto “il regista dell’amore”, Gabriele Muccino. Le parole tra virgolette sono tutte della presidente Jole Santelli che governa la sua regione da Roma e con i romani. Dopo il Covid bisogna ridisegnare l’immagine della Calabria nel mondo. Non più “sfasciume pendulo sul mare” (Giustino Fortunato), non più luogo della eterna commistione tra politica e mafia (gli ultimi coinvolgimenti di consiglieri della maggioranza e di un assessore in inchieste la dicono lunga), ma terra di sole, mare e agrumi. E allora la Santelli chiama Mu...

Continua a leggere

Pur nella drammaticità della situazione gli italiani non smettono mai di stupire per la loro inventiva. Fabrizio D'Esposito, in un pezzo apparso sul Fatto di ieri, ha raccolto le giustificazioni che i cittadini hanno dato quando sono fermati nell'ambito dei controlli per il coronavirus. E le risposte sono incredibili.

 

Ecco una rassegna ragionata delle denunce fatte in questi giorni, in violazione del decreto governativo e di altri episodi realmente accaduti. “Cose all’italiana”, scriveva più di mezzo secolo fa Luigi Barzini. 

Dov’è l’auto? A Porto Potenza Picena, in provincia di Macerata, i carabinieri hanno denunciato un uomo che beveva birra al bar di una stazione di rifornimento. L’uomo si è difeso dicendo che era lì per fare benzina ma dagli accertamenti è emerso che “non aveva l’auto con sé”.

Shopping A San Martino di Lupari, in provincia di Padova, un uomo è uscito di casa per acquistare un’arma. Poi è andato dai carabinieri per denunciarla, ma questi hanno denunciato lui per violazione del decreto.

Necessità A Torino, un uomo proveniente da un paese dell’hinterland è stato denunciato mentre andava in giro con una birra in mano. Ha spiegato che la sua “situazione di necessità” era che “voleva scopare le sue fidanzate”. Ribadita nell’autocertificazione: “Ho tre ragazze. Sono venuto a Torino per scopare”.

Aria A Giugliano, in provincia di Napoli, dodici persone sono state denunciate per aver organizzato un picnic nel parco di via Madonna del Pantano. Si sono giustificati così: “Avevamo bisogno di prendere aria”.

L’Umarell A Bologna un pensionato è stato denunciato perché guardava una partita di pallone tra ragazzi, a loro volta denunciati.

La Cravatta A Palermo i carabinieri hanno denunciato un uom...

Continua a leggere

Giulio Tarro

Pubblichiamo un'intervista di Gianmaria Roberti a Giulio Tarro, virologo di fama mondiale. Tarro esprime grosse perplessità sui numeri dei decessi direttamente collegati al Coronavirus. E tra gli esperti non è il solo ad avere dubbi in proposito. L'intervista è uscita sul Quotidiano del Sud.

 

 

 

L’Italia è il secondo paese al mondo per decessi da coronavirus, come si spiega?  

Si spiega in modo molto semplice con quello che ha detto l’Istituto superiore di sanità: soltanto il 2% dei decessi italiani è per il coronavirus, il 98% non lo è». È lapidario Giulio Tarro, virologo di fama mondiale, sull’emergenza nel Paese. E numeri alla mano, cerca di ridimensionare la grande paura. Una scossa di terrore che percorre tutta  Italia, da nord a sud. «Inutile andare a cercare chissà che cosa - afferma-, quando abbiamo a che fare con pazienti che muoiono ...

Continua a leggere

Franco "Bifo" Berardi

Franco "Bifo" Berardi è personaggio controverso, discusso ma, a nostro avviso, geniale e veramente alternativo. Pubblichiamo questo intervento sul Coronavirus consapevoli che è un pugno nello stomaco. Il pezzo è stato pubblicato sul sito Not.

 

CRONACA DELLA PSICODEFLAZIONE 

L’imprevisto trasforma quel che la volontà non ha saputo trasformare. Ma ora si tratta di riattivare l’energia rinnovabile dell’immaginazione. Franco «Bifo» Berardi è scrittore, filosofo e agitatore culturale. Il suo Futurabilità è uscito nel 2018 per NERO. 

 

  

You are the crown of creation

And you’ve got no place to go

Jefferson Airplane, 1968

"La parola è un virus.  Forse il virus dell’influenza era un tempo una cellula sana. Ora è un organismo parassita che invade e danneggia il sistema nervoso centrale. L’uomo moderno non conosce più il silenzio. Prova a interrompere il discorso sub-vocale. Prova dieci secondi di silenzio interiore. Incontrerai un organismo resistente che ti impone di parlare. Quell’organismo è la parola".

William Burroughs, The Ticket that Exploded

21 febbraio

Tornando da Lisbona, all’aeroporto di Bologna una scena inattesa. All’ingresso ci sono due umani completamente coperti da una tuta bianca, con elmetto luminescente e uno strano arnese tra le mani. L’arnese è una pistola termometro ad altissima precisione che manda lucine violette tutt’intorno.

Si avvicinano a ogni passeggero, lo fermano, gli puntano la lucina violetta sulla fronte, controllano la temperatura, poi lo lasciano andare.

Un presentimento: stiamo attraversando una nuova soglia nel processo di mutazione tecno-psicotica?

28 febbraio

Da quando sono tornato da Lisbona non riesco a far...

Continua a leggere

Michele Russo

Nel Consiglio comunale dell'ottobre 2019, a seguito di un'interrogazione della coalizione INSIEME PER SCAFATI, si manifestavano diverse perplessità sulla rete fognaria. L’assessore ai Lavori Pubblici rispose, tra le altre cose, che era stata effettuata una segnalazione alla procura della Repubblica di Torre Annunziata. Degli sviluppi di quella segnalazione non si hanno notizie. Certo è che le perplessità che abbiamo manifestato nella interrogazione sono confermate anche dagli atti che abbiamo visionato e acquisito all’Ufficio del Genio civile di Salerno. In primo luogo abbiamo rilevato che l’autorizzazione sismica come prima denuncia è del 10/10/2018 sebbene i lavori, come noto, sono iniziati molto tempo prima, addirittura nel 2015. Quindi abbiamo avuto un cantiere con opere in cemento armato in zona sismica, su strade comunali, privo di autorizzazione sismica per alcuni anni? Così se...

Continua a leggere

Gaetano Buscetto

Siamo stati sempre convinti che esista un Agro positivo, con tante eccellenze che meriterebbero una visibilità maggiore. Ci sono industriali, medici, giornalisti, avvocati che nei loro campi hanno professionalità eccezionali. Per questo ospitiamo l'intervento di Gaetano Buscetto che ha ereditato l'azienda di famiglia trasformandola in una realtà leader a livello mondiale nel settore della costruzione delle linee di produzione principalmente legate all'industria conserviera. E Buscetto ci ha raccontato un pezzo della sua storia.

 

 

Ho iniziato la mia carriera lavorativa una settimana dopo la laurea e questo è il mio 30esimo anno di lavoro. E diciamo che peggio di cosi non poteva cominciare… ma lasciamo perdere il virus e andiamo avanti. Mi avrebbe fatto piacere lavorare per 30 anni come ingegnere meccanico ma, dico purtroppo, mi sono involuto in un imprenditore...

Continua a leggere

Il sindaco Salvati

Il sindaco di Scafati, Cristoforo Salvati, ha perso una buona occasione per tacere. I fatti, prima di tutto, in sintesi. Poi gli cederemo, si fa per dire, la parola così potrete giudicare questo signore che, tra le altre cose, è un medico. Si decide di attrezzare l'ospedale di Scafati per accogliere persone affette dal Coronavirus. Qualcuno, in modo civile, esterna delle perplessità. Salvati no, lui procede come un carro armato. Ecco alcune sue dichiarazioni.

"Mi giunge notizia che la direzione generale dell’Asl di Salerno, d’intesa con la Regione Campania, abbia individuato il nostro ospedale “Mauro Scarlato” come presidio dedicato in primis alla gestione dei pazienti affetti da Coronavirus. Da medico e da primo cittadino, considerando la situazione di grave emergenza che il nostro paese sta affrontando con grandi difficoltà, confermiamo la disponibilità della nostra comunità...

Continua a leggere