info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 05/12/2021

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

La partita della missione Salute del Piano nazionale di Ripresa e resilienza è iniziata. Il ministro Roberto Speranza ha inviato alle Regioni il decreto che stanzia in totale oltre 8 miliardi, dei quali 6,5 del Pnrr e 1,5 del fondo complementare. La prima tranche delle risorse previste fino al completamento del piano (nel 2026), che superano i 20 miliardi. E il primo step del programma per rafforzare il servizio sanitario dopo lo choc pandemico. Fase che scommette, prima di tutto, su una nuova medicina territoriale. E poi su digitalizzazione dei Pronto soccorso, nuove apparecchiature e tecnologie, innovazione. Le Regioni avranno tre mesi di tempo, fino al 28 febbraio, per presentare i loro piani operativi, che dovranno riguardare in primo luogo case di comunità e ospedali di comunità. Delle prime dovranno esserne realizzate 1.280, dei secondi 381.

Una novità? Non proprio. Le c...

Continua a leggere

Il dado è tratto. La bolletta dell'acqua sarà più pesante. Quello che è accaduto lo ha descritto su "la Città" Salvatore D'Angelo. Il comitato esecutivo dell’Ente idrico campano ha ratificato, dunque, le nuove tariffe che la Gori applicherà nel quadriennio 2020-2023 nei 76 centri del Distretto sarnese-vesuviano.  L'incremento sarà del 2,4% complessivo fino al 2023 «a fronte di investimenti pari a circa 350 milioni», hanno spiegato dall’Eic retto dal presidente Luca Mascolo. Un risultato importante, hanno rimarcato dall’Ente, in quanto la «proposta iniziale del gestore Gori ad Arera prevedeva aumenti pari cumulativamente all’8,12 % nel biennio 2020-2021 ed al 19,2% nel quadriennio complessivo di riferimento tariffario 2020-2023». Si è scelto il male minore, in pratica.

Dodici i voti favorevoli su venti componenti del comitato, tra cui quello del sindaco di Nocera Inferiore Manlio Torquato. Per giustificare l'aumento si fa anche riferimento ai risparmi per gli utenti derivanti dalla sentenza del Consiglio di Stato che ha tagliato del 30% le tariffe del quadriennio 2012/2015. Eppure tutto questo si presta a una serie di considerazioni. Cerchiamo di esaminarle perché vanno dal fatto specifico fino a considerazioni di carattere più generale.

1) In un periodo di grave crisi, con rincari previsti anche per luce e gas, era proprio necessario aggiungere questo ulteriore balzello?

2) Non è la Gori a decidere i rincari, ma i sindaci come su questo sito ha spiegato con grande chiarezza Gianni Iuliano, già senatore e primo cittadino di Bracigliano. Quindi chi fa certe scelte se ne deve assumere anche la responsabilità. E, magari, spiegarle.

3) Oggi tutti tuonano contro la la Gori, ma in tanti dimenticano che questa società è sbarcata a Nocera Infer...

Continua a leggere

Le mafie sono in connessione intima con il sistema agricolo nazionale e internazionale. La terra ha sempre rappresentato la carta di identità originaria di clan, ’ndrine e cosche varie. Possedere in via esclusiva terreni e aziende agricole, insieme a tutto ciò che con esse deriva, costituisce per le mafie l'espressione di una potenza che legittima, anche sotto il profilo sociale, il loro dominio sulle cose dell'uomo e della natura. Non è vero che è un business superato. Esso è invece ancora il seme del loro potere e della loro identità. Quest'attività criminale ha assunto dimensioni e organizzazioni avanzate. 

Secondo Gian Carlo Caselli, responsabile dell'Osservatorio sulle Agromafie, e Gian Maria Fara, presidente di Eurispes, ancora oggi la mafia «condiziona il mercato, stabilendo i prezzi dei raccolti, gestendo i trasporti e lo smistamento, il controllo di intere catene di s...

Continua a leggere

Alessandra Buonanno

Un record assoluto per l’Italia anche questo. Per la prima volta la medaglia Dirac, uno dei principali premi scientifici internazionali, è stata assegnata a una ricercatrice italiana, Alessandra Buonanno, che lavora in Germania, nell’Istituto Max Planck per la Fisica gravitazionale di Potsdam. Assegnata dal Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam (Ictp), la medaglia Dirac premia Buonanno per le sue ricerche teoriche alla base della rilevazione delle onde gravitazionali. Oltre a essere la prima italiana, Buonanno è la seconda donna in assoluto a ricevere la medaglia Dirac. Con lei sono stati premiati i fisici Thibault Damour, Frans Pretorius e Saul Teukolsky.

Laurea, master e dottorato all’Università di Pisa in Italia, la scienziata è ricercatrice associata al Cern e ha conseguito un post dottorato presso l’Institut des Hautes Etudes Scientifiques (IHES) in Francia e il premio Richard C. Tolman al California Institute of Technology negli UsaA (1999-2001). Nel dendo e prestigioso curriculum si legge anche incarichi all’Institut d’Astrophysique de Paris (IAP) (2001-2004) e Laboratoire Astroparticule et Cosmologie (APC ) a Parigi (2005) con il Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS). Professoressa Associato (2005-2010), Professore di Fisica (2010-2014), Professore di College Park (dal 2014) presso l’Università del Maryland. Membro scientifico e direttore del Max Planck Institute for Gravitational Physics (Albert Einstein Institute) (dal 2014). Professore onorario all‘Università Humboldt di Berlino e all’Università di Potsdam (dal 2017). “È stata una bellissima sorpresa, non me l’aspettavo. Un bellissimo riconoscimento, non solo alla mia ricerca nel campo delle onde gravitazionali, ma per tutta la ricerca fatta negli ultimi 15 anni dal mio ...

Continua a leggere

Caso vuole che queste righe sulla vicenda Ponte siano scritte al termine di una delle numerose odissee a cui si va incontro percorrendo l’autostrada che collega le due principali città dell’isola e le due metà della stessa Sicilia. In un’autostrada di meno di 200 chilometri per buona parte su corsia unica tra deviazioni e cantieri che rivaleggiano, per età, con le vestigia della Magna Grecia.

Basterebbe questo, in tutta onestà, per ridere davanti alla magnificazione del ponte sullo Stretto e alle magnifiche sorti progressive della mobilità tra Sicilia e terraferma. Basterebbe, insomma, raccontare di ferrovie a binario unico, di tempi di percorrenza indecenti per i collegamenti su gomma, di traghetti residuati bellici per le isole minori per capire come il ponte sia davvero l’ultimo dei problemi per le infrastrutture siciliane.

Ma, diciamocelo onestamente, nessuno crede...

Continua a leggere

Il porto di Salerno

A giugno 2020, nel porto di Salerno, la guardia di finanza del nucleo economico finanziaro (Pef), ha sequestrato oltre diciassette tonnellate di sostanze stupefacenti: poco meno di tre chili di hashish e più di 14 di captagon, meglio conosciuta come “droga della jihad”, un cloridrato di fenetillina, anfetamina e altre sostanze stimolanti viene assunto in modo capillare da chi combatte la Guerra Santa e dai terroristi dell’Isis. Le droghe erano nascoste all’interno di quattro container commerciali provenienti dalla Siria, con transito allo scalo commerciale campano e diretti in Medio Oriente. Ora i responsabili di quello scambio sono stati arrestati.

L’ARRESTO DEI BROKER

I due broker sono stati arrestati dai militari della guardia di finanza di Salerno e Napoli con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Si tratta di Alberto Eros Amato, il titolare...

Continua a leggere

Vincenzo De Luca

Si prepara il terreno per il Vincenzo De Luca III, il governatore della Campania ‘minaccia’ di restare in carica altri nove anni, fino al 2030, quando avrebbe 81 anni, Mattarella scansati che a ‘soli’ 80 anni ha annunciato di volersi riposare. Sarebbero 15 anni consecutivi per De Luca, altri nove anni di dirette Fb ogni venerdì. Comunque non sarebbe un record. Roberto Formigoni fu presidente della Lombardia per 18 anni, dal 1995 al 2013.

Insomma, c’è l’ipotesi di approvare la possibilità di un terzo mandato in Regione Campania e De Luca a domanda risponde senza nascondersi dietro a un dito. “Faremo quello che ha fatto la Regione Veneto e altre regioni. Da quando si approva la legge elettorale della Campania scatta la norma dei due mandati, niente di particolarmente innovativo. È una linea già segnata da qualche altra regione”. La nuova legge dovrebbe essere già pronta o quasi,...

Continua a leggere