info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 08/08/2020

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Questo commento di Francesco Pallante è apparso sul Manifesto.

 

La vicenda dei verbali del Comitato tecnico scientifico, prima secretati dal governo e poi (parzialmente) resi pubblici per timore di una clamorosa sconfessione da parte della giustizia amministrativa, lascia davvero interdetti. Nel metodo e nel merito. Nel metodo. Riconoscere che il Covid-19 abbia costituito e costituisca un pericolo reale non significa ammettere che il governo abbia avuto e abbia carta bianca nel decidere le misure di contrasto. Tanto più, perché la misura-chiave tra quelle adottabili per evitare la (ripresa della) diffusione della pandemia – la decisione di drastiche misure di distanziamento interpersonale – ha comportato e comporta la limitazione di numerosi e delicatissimi diritti costituzionali. Nei momenti di emergenza la controllabilità delle decisioni e dei comportamenti delle pu...

Continua a leggere

Michele Russo

Nel Consiglio comunale dell'ottobre 2019, a seguito di un'interrogazione della coalizione INSIEME PER SCAFATI, si manifestavano diverse perplessità sulla rete fognaria. L’assessore ai Lavori Pubblici rispose, tra le altre cose, che era stata effettuata una segnalazione alla procura della Repubblica di Torre Annunziata. Degli sviluppi di quella segnalazione non si hanno notizie. Certo è che le perplessità che abbiamo manifestato nella interrogazione sono confermate anche dagli atti che abbiamo visionato e acquisito all’Ufficio del Genio civile di Salerno. In primo luogo abbiamo rilevato che l’autorizzazione sismica come prima denuncia è del 10/10/2018 sebbene i lavori, come noto, sono iniziati molto tempo prima, addirittura nel 2015. Quindi abbiamo avuto un cantiere con opere in cemento armato in zona sismica, su strade comunali, privo di autorizzazione sismica per alcuni anni? Così sembrerebbe dagli atti forniti dagli uffici comunali e da quelli esaminati al Genio civile. Possibile che nessuno se ne sia accorto? 

I problemi non finiscono qui. Abbiamo da sempre avuto perplessità sul modo di realizzare i pozzetti in materiale prefabbricato. Ora, dagli atti depositati abbiamo scoperto che i prefabbricati non erano contemplati nell’autorizzazione sismica e i pozzetti dovevano essere realizzati in tutt’altro modo. Possibile che nessuno si sia accorto di questo? Nemmeno la procura di Torre Annunziata destinataria della segnalazione dell’amministrazione comunale? 

Oltre a questi aspetti che ci appaiono sicuramente quelli più delicati, sul piano squisitamente tecnico, dobbiamo ribadire che le modalità di organizzazione dei cantieri sul territorio e le tempistiche non ci convincono affatto. Abbiamo strade importanti come via Passanti dove è stato realizzato so...

Continua a leggere

Gaetano Buscetto

Siamo stati sempre convinti che esista un Agro positivo, con tante eccellenze che meriterebbero una visibilità maggiore. Ci sono industriali, medici, giornalisti, avvocati che nei loro campi hanno professionalità eccezionali. Per questo ospitiamo l'intervento di Gaetano Buscetto che ha ereditato l'azienda di famiglia trasformandola in una realtà leader a livello mondiale nel settore della costruzione delle linee di produzione principalmente legate all'industria conserviera. E Buscetto ci ha raccontato un pezzo della sua storia.

 

 

Ho iniziato la mia carriera lavorativa una settimana dopo la laurea e questo è il mio 30esimo anno di lavoro. E diciamo che peggio di cosi non poteva cominciare… ma lasciamo perdere il virus e andiamo avanti. Mi avrebbe fatto piacere lavorare per 30 anni come ingegnere meccanico ma, dico purtroppo, mi sono involuto in un imprenditore...

Continua a leggere

Il sindaco Salvati

Il sindaco di Scafati, Cristoforo Salvati, ha perso una buona occasione per tacere. I fatti, prima di tutto, in sintesi. Poi gli cederemo, si fa per dire, la parola così potrete giudicare questo signore che, tra le altre cose, è un medico. Si decide di attrezzare l'ospedale di Scafati per accogliere persone affette dal Coronavirus. Qualcuno, in modo civile, esterna delle perplessità. Salvati no, lui procede come un carro armato. Ecco alcune sue dichiarazioni.

"Mi giunge notizia che la direzione generale dell’Asl di Salerno, d’intesa con la Regione Campania, abbia individuato il nostro ospedale “Mauro Scarlato” come presidio dedicato in primis alla gestione dei pazienti affetti da Coronavirus. Da medico e da primo cittadino, considerando la situazione di grave emergenza che il nostro paese sta affrontando con grandi difficoltà, confermiamo la disponibilità della nostra comunità a dare il suo contributo, a fare la sua parte". E fino a qui ci siamo. Un bravo sindaco al servizio della "comunità". Poi, però, vai avanti e fai una brutta scoperta.

Scafati farà la sua parte "a patto che il nostro presidio sanitario e la nostra città non diventino un lazzaretto. Pretenderemo garanzie di sicurezza per i nostri medici, per i nostri infermieri, per tutti coloro che ogni giorno operano all’interno del nostro ospedale, affinché possano continuare a lavorare con la massima serenità e con tutte le precauzioni e gli strumenti di sicurezza loro dovuti per la gestione degli infetti da Covid-19. Pretenderemo, inoltre, garanzie di sicurezza per la nostra città, per i nostri cittadini, affinché il trasferimento all’ospedale di Scafati dei pazienti affetti da Coronavirus non innalzi i rischi di contagio sul nostro territorio". Ci sarebbe da piangere se non parlassimo di un ...

Continua a leggere

Eduardo De Filippo

Questo commento di Enrico Fierro è apparso sul "Fatto" di oggi.

 

 

Il mio amico Domenico, uomo di rara sensibilità e ottime letture, mi ha voluto aiutare a riflettere inviandomi il testo di una bella intervista di Enzo Biagi al grande Eduardo De Filippo. Con Domenico parlavamo di questi nostri giorni tristissimi dominati da incertezza e paure. Il virus, un nemico che non conosciamo e che mette a nudo le nostre fragilità (sanitarie, sociali, e politiche), ma anche la morte del quindicenne ucciso a Napoli durante un tentativo di rapina. Non sappiamo nulla del morbo, e nulla di quel ragazzo nato male e cresciuto peggio. Eppure giudichiamo. La follia che ci domina da anni e che ci vuole giudici di tutto ad ogni costo, sui social per la massa, in tv per pochi eletti, ci costringe a schierarci sempre. Io sto col carabiniere che a Napoli ha sparato e ucciso. Io sto c...

Continua a leggere

Calano gli omicidi, ma non quelli che hanno per vittime le donne. E otto donne su dieci conoscevano il proprio assassino. E' quanto emerge da un rapporto dell'Istat riferito all'anno 2018 in Italia. Secondo l'analisi, le donne vengono uccise in ambito domestico da partner e familiari, gli uomini da sconosciuti negli spazi pubblici. Delle 133 donne uccise nel 2018, più dell'80% è stata vittima di una persona conosciuta.

In particolare, nel 54,9% dei casi dal partner attuale o dal precedente. Sono state uccise dal proprio partner 63 donne (47,4%) mentre per altre dieci (7,5%) l'autore del delitto è quello precedente. Altre 33 (24,8%) sono state vittima di un parente e solo nel 12,5% l'autore è sconosciuto. Infine nel 6,8% dei casi si tratta di un omicidio con autore non identificato. Tra i partner, nel 2018, i mariti e gli ex mariti sono stati gli autori del 71,2% degli omicidi,...

Continua a leggere

Francesco Toscano

La lettera che pubblichiamo non necessita di molti commenti. E' solo un tragico esempio di come una classe politica inadeguata e supponente è riuscita ad ammazzare Pagani. La missiva è dell'amministratore unico della "Pagani Servizi srl", Francesco Toscano. E' stata inviata alla segretaria generale Ivana Perongini. E ci sarebbe da ridere se tanta gente non rischiasse il posto di lavoro.

"Con riferimento a quanto in oggetto le comunico di essere fortemente preoccupato per lo stato dell'arte per i rapporti Comune di Pagani / Pagerni Servizi s.r.l. per i motivi che sotto riporto : 

1 ) Allo stato attuale ancora non si è risolta la questione pagamento Servizio Portierato e Guardiania Auditorium di cui ho già ampiamente fatto comunicazione in data 27 gennaio 2020 a Lei ed al Sindaco FF Annarosa Sessa la cui copia allego alla presente. 

2) I pagamenti degli altri ser...

Continua a leggere