info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 23/05/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

In vista del prossimo insediamento della nuova Amministrazione Comunale frutto delle elezioni amministrative che si terranno il 12 di giugno e ricordando che il Sindaco opera in qualità di Autorità Sanitaria Locale, torniamo sulla Casa della Salute.

Essa è uno dei pilastri, insieme alla proposta di rideterminazione dei confini dell’Asl ed all’ attenzione alle politiche ambientali, su cui poggia il programma   di FUTUR🌻AMA per ridisegnare l’assistenza sanitaria pubblica nell‘Agro, adattandola alle nuove esigenze e mettendo al centro il cittadino.

Anche se nel nostro territorio era una realtà quasi sconosciuta, abbiamo iniziato a parlarne due anni fa in piena pandemia, con il SSN italiano stremato da 20 anni di tagli, con la sanità territoriale in affanno, con gli ospedali, di per sè destinati alla gestione delle patologie acute, presi d’assalto e doverosamente blindati ...

Continua a leggere

Caso vuole che queste righe sulla vicenda Ponte siano scritte al termine di una delle numerose odissee a cui si va incontro percorrendo l’autostrada che collega le due principali città dell’isola e le due metà della stessa Sicilia. In un’autostrada di meno di 200 chilometri per buona parte su corsia unica tra deviazioni e cantieri che rivaleggiano, per età, con le vestigia della Magna Grecia.

Basterebbe questo, in tutta onestà, per ridere davanti alla magnificazione del ponte sullo Stretto e alle magnifiche sorti progressive della mobilità tra Sicilia e terraferma. Basterebbe, insomma, raccontare di ferrovie a binario unico, di tempi di percorrenza indecenti per i collegamenti su gomma, di traghetti residuati bellici per le isole minori per capire come il ponte sia davvero l’ultimo dei problemi per le infrastrutture siciliane.

Ma, diciamocelo onestamente, nessuno crede realizzabile il ponte. Nessuno, neppure i più fanatici sostenitori dell’opera, lo considera realizzabile. E neppure utile per il sistema dei trasporti. No. Il ponte è oramai un’arma di distrazione di massa sempre utile da evocare. Magari per non parlare di interventi concreti e realizzabili quanto urgenti per cui nessuno è disponibile ad assumersi responsabilità. Non è un caso se la stessa commissione del ministero dei Trasporti che ha depositato un dossier – l’ennesimo – per spiegare l’assoluta indispensabilità del ponte sullo Stretto si è ben guardata da spiegare i motivi di questa necessità.

Il ponte diventa così un feticcio ideologico, qualcosa a cui nessuno riesce a dare una spiegazione razionale ma che, comunque, è indispensabile. Ma a chi? Non certo a chi ha necessità di trasportare le proprie merci dalle aree di produzione al continente. A meno di non trovare indispensab...

Continua a leggere

Il porto di Salerno

A giugno 2020, nel porto di Salerno, la guardia di finanza del nucleo economico finanziaro (Pef), ha sequestrato oltre diciassette tonnellate di sostanze stupefacenti: poco meno di tre chili di hashish e più di 14 di captagon, meglio conosciuta come “droga della jihad”, un cloridrato di fenetillina, anfetamina e altre sostanze stimolanti viene assunto in modo capillare da chi combatte la Guerra Santa e dai terroristi dell’Isis. Le droghe erano nascoste all’interno di quattro container commerciali provenienti dalla Siria, con transito allo scalo commerciale campano e diretti in Medio Oriente. Ora i responsabili di quello scambio sono stati arrestati.

L’ARRESTO DEI BROKER

I due broker sono stati arrestati dai militari della guardia di finanza di Salerno e Napoli con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Si tratta di Alberto Eros Amato, il titolare...

Continua a leggere

Vincenzo De Luca

Si prepara il terreno per il Vincenzo De Luca III, il governatore della Campania ‘minaccia’ di restare in carica altri nove anni, fino al 2030, quando avrebbe 81 anni, Mattarella scansati che a ‘soli’ 80 anni ha annunciato di volersi riposare. Sarebbero 15 anni consecutivi per De Luca, altri nove anni di dirette Fb ogni venerdì. Comunque non sarebbe un record. Roberto Formigoni fu presidente della Lombardia per 18 anni, dal 1995 al 2013.

Insomma, c’è l’ipotesi di approvare la possibilità di un terzo mandato in Regione Campania e De Luca a domanda risponde senza nascondersi dietro a un dito. “Faremo quello che ha fatto la Regione Veneto e altre regioni. Da quando si approva la legge elettorale della Campania scatta la norma dei due mandati, niente di particolarmente innovativo. È una linea già segnata da qualche altra regione”. La nuova legge dovrebbe essere già pronta o quasi, visto che sui tempi De Luca assicura che verrà varata “entro l’anno sicuramente”.

(Dal Fatto).

Continua a leggere

L’Unione europea comprerà i vaccini Pfizer e Moderna a prezzi più alti rispetto al passato, come rinegoziato coi due colossi farmaceutici – che forniranno fino a 2,1 miliardi di dosi entro il 2023 – dopo i test di fase tre, che hanno evidenziato che i vaccini a mRNA delle due case farmaceutiche hanno una maggiore efficacia rispetto ai sieri più economici sviluppati da Oxford-AstraZeneca e Johnson&Johnson.

Gli accordi, scrive il Financial Times, prevedono dunque che il nuovo prezzo per i vaccini Pfizer è di 19,50 euro contro i 15,50 delle precedente fornitura mentre quello di Moderna sale invece a 25,50 dollari a dose, sopra i 22,60 dollari del precedente accordo ma meno dei 28,50 dollari inizialmente previsti dopo che l’ordine è stato ampliato. In sostanza, Pfizer ha aumentato il prezzo di oltre il 25% e Moderna di oltre il 10%. Il Financial Times (Ft) sottolinea che le ri...

Continua a leggere

Angelo Vassallo

Il Fatto quotidiano ne scrisse l’11 febbraio 2018, il giorno dopo la marcia organizzata a Pollica per chiedere di far ripartire le indagini sull’omicidio del sindaco Angelo Vassallo: “Come è possibile che un carabiniere in vacanza in una villetta a venti metri di distanza non abbia sentito 9 colpi di pistola sparati alle nove di sera, nel silenzio estivo di campagna”? Se lo chiedeva sbigottito uno dei fratelli, Massimo Vassallo. Se lo chiedeva un paese intero, radunato in piazzetta a conclusione della manifestazione. “Vorrei sapere il nome di quel carabiniere – disse il sindaco Stefano Pisani, che di Vassallo era il vice e raccolse il testimone quel maledetto 5 settembre 2010 – vorrei guardarlo negli occhi e chiedergli come ha fatto a non ascoltare”.

Almeno questo mistero – piccolo, rispetto a quello enorme di chi premette il grilletto – sepolto sotto la polvere di 11 anni di ...

Continua a leggere

Mancano una settantina di miliardi al Sud nella ripartizione dei fondi Pnrr, ve ne siete accorti? Rinfreschiamoci la memoria. L’Italia avrà accesso a circa 191,5 miliardi di euro (122,6 prestiti e 68,9 trasferimenti) grazie al dispositivo di finanziamento per la ripresa e la resilienza (Rrf), a cui si aggiungeranno 30 miliardi da attingere dal fondo complementare nazionale, finanziato dallo Stato italiano, per un totale complessivo di 221,5 miliardi di euro. Ai quali vanno inoltre aggiunti altri 13,5 miliardi del programma React-Eu.

Il Governo italiano lo scorso 25 aprile ha concluso gran parte dell’iter burocratico giungendo all’approvazione definitiva del Consiglio dell’Unione Europea, che ha emanato una serie di linee guida generali riguardo alle modalità con cui i diversi Stati dovranno utilizzare e investire i fondi, che andranno impiegati principalmente per la creazione ...

Continua a leggere