info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 05/12/2021

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

La partita della missione Salute del Piano nazionale di Ripresa e resilienza è iniziata. Il ministro Roberto Speranza ha inviato alle Regioni il decreto che stanzia in totale oltre 8 miliardi, dei quali 6,5 del Pnrr e 1,5 del fondo complementare. La prima tranche delle risorse previste fino al completamento del piano (nel 2026), che superano i 20 miliardi. E il primo step del programma per rafforzare il servizio sanitario dopo lo choc pandemico. Fase che scommette, prima di tutto, su una nuova medicina territoriale. E poi su digitalizzazione dei Pronto soccorso, nuove apparecchiature e tecnologie, innovazione. Le Regioni avranno tre mesi di tempo, fino al 28 febbraio, per presentare i loro piani operativi, che dovranno riguardare in primo luogo case di comunità e ospedali di comunità. Delle prime dovranno esserne realizzate 1.280, dei secondi 381.

Una novità? Non proprio. Le c...

Continua a leggere

Alla fine il dato sull'affluenza alle urne dovrebbe attestarsi intorno al sessanta per cento. Quattro italiani su dieci hanno preferito non votare. E si trattava di consultazioni amministrative, quelle dove il rapporto tra candidato ed elettore è molto diretto. 

Insomma, quel distacco del paese reale dai palazzi viene confermato in pieno ammesso che ce ne fosse bisogno. Un atteggiamento che denota sfiducia verso un sistema visto come immutabile indipendentemente da chi lo rappresenta come classe dirigente. I partiti, se fossero ancora tali, dovrebbero riflettere su questo. Tacciare di qualunquismo chi non va alle urne è comodo oltre che ingeneroso.

Ma c'è un altro aspetto della questione che non deve essere sottovalutato. La mancanza di speranza non è rappresentata solo dal non voto, ma anche da chi per anni ha pensato di partecipare in modo attivo alla vita politica e poi ha scacciato via questa idea come se fosse il peggiore dei mali. Significa che in questo Paese non è in ballo solo la fiducia degli italiani, ma anche la possibilità di creare un reale ricambio ai vertici.

Così viviamo in questa immutabilità. Ci pieghiamo al potente di turno quando serve una cortesia, non valutiamo il significato ideologico di certe scelte, perdiamo coraggio e, tranne qualche rara eccezione, non intraprendiamo quelle grandi battaglie civili che sono le sole a poter migliorare la qualità della vita. Permetteteci di dire che alla fine interessa poco chi vince o chi perde. In fondo un'altra occasione per cambiare è sfumata e il fallimento è di tutti, al di là di numeri e percentuali.

Continua a leggere

Mancano poche ore all’apertura delle urne. Questa è una tornata elettorale diversa. A Napoli si invoca la svolta, il miracolo. San Gennaro, il Santo Patrono della città, il suo già l’ha fatto. Tocca ai napoletani, mai come ora, rimboccarsi le maniche e prendersi cura della loro amata città. C’è qualcuno che per descrivere le attuali condizioni in cui versano ampi pezzi della metropoli all’ombra del Vesuvio, si affida alla prosa della scrittrice partenopea Matilde Serao che nel 1884 diede alle stampe ‘Il ventre di Napoli’. Un racconto, appunto, dal ‘ventre’, ossia dai quartieri degradati, straripanti di poveri e disadattati, immersi nell’arretratezza e nell’indecente degrado urbano. Un paragone forse ingiusto, dettato dalla rabbia, dalla frustrazione di percepire una città dalle grandi potenzialità, è stata una ex capitale europea, e da decenni ripiegata su se stessa: pigra, rinunciata...

Continua a leggere

L'ospedale di Nocera

Questo è il testo della missiva che FUTUR🌻AMA ha inviato ai sindaci sulle questioni della sanità.

 

Ai  SINDACI dei Comuni di 

Nocera Inferiore -  Nocera Superiore

Pagani  - Sarno    

Scafati  - Angri  

Cava de Tirreni – Amalfi.

Oggetto: il Sindaco, la Sanità, il PNRR. 

Questa “pandemia” ha, ampiamente, evidenziato l’importanza di avere, in ogni momento, una  Sanità efficace ed efficiente. È noto che, il Sindaco e il Consiglio Comunale rivestono un importante ruolo. 

Il Sindaco “è autorità sanitaria”; inoltre, tramite la Conferenza dei Sindaci e il Comitato di rappresentanza, ha il potere di definire gli indirizzi programmatici delle attività, esaminare il bilancio pluriennale di previsione e quello di esercizio, contribuire a definire i programmi e, quindi, trasmettere le proprie valutazioni e proposte all’ASL e alla Regione. Questi poteri funzionali, oltre a costituire un opportuna forza contrattuale e politica anche per la Regione, consentono ai Sindaci, nel caso a quelli del nostro territorio, di rappresentare compiutamente le realtà territoriali e quindi avanzare proposte operative tese a rivalutare la Sanità,  sia in ordine ai Presidi Ospedalieri che ai Distretti Sanitari. 

Poteri che sono validi anche per le novità previste per la salute, dal PNRR  (Piano nazionale di ripresa e resilienza), che ha uno stanziamento di 20,23 miliardi di euro per l’articolata “Missione Salute”.  È previsto di rafforzare la prevenzione e l’assistenza sul territorio, con l’integrazione tra i servizi sanitari e sociali; di aggiornare le apparecchiature tecnologiche; di potenziare il Fascicolo Sanitario Elettronico e sviluppare la telemedicina. Saranno favorite le competenze tecniche, digitali e manageria...

Continua a leggere

Federica Giordano

Quando Federica ha visitato per la prima volta il suo laboratorio a Houston è rimasta senza parole. La sensazione di stupore è rimasta per un po’, tra i macchinari all’avanguardia, le conferenze e i primi esperimenti. “Adesso questa è la mia vita, e mi sento molto fortunata”. Federica Giordano ha 32 anni e viene da Palermo. Oggi è ricercatrice nel campo delle nanotecnolgie allo Houston Methodist Research Institute, negli USA. Lo stesso centro dove ha avuto la possibilità di lavorare per un anno durante il dottorato di ricerca in Medicina molecolare e traslazionale (svolto all’Università di Milano -Bicocca). “Sono rimasta affascinata dalle molteplici applicazioni nanotecnologiche e dalla possibilità di spaziare in diverse linee di ricerca. Le tecnologie avanguardiste, la possibilità di collaborare con luminari del mondo della ricerca e quella di partecipare a conferenze di grande rilie...

Continua a leggere

Dopo l'Opa su Guala Closures e la quotazione a Wall Street di Ermenegildo Zegna, Investindustrial è a un passo da rilevare il controllo anche di La Doria, gruppo con sede centrale ad Angri e leader delle conserve e dei legumi, quotato a Piazza Affari e controllato dalla famiglia Ferraioli.

Nelle scorse settimane si sarebbe svolto un beauty contest per vendere il 63% della società, che ha chiuso il primo semestre con ricavi a 423,8 milioni di euro e profitti pari a 21 milioni di euro e il 2020 con un fatturato di 848,1 milioni e un margine operativo lordodi 83,1 milioni.

Dopo il primo giro di ricognizione compiuto dagli advisor PriceWaterhouseCoopers e Vitale & Co, Investindustrial avrebbe fatto la valutazione più interessante: un multiplo di oltre 15 volte gli utili che, tenendo conto dei debiti, riconosce alla società un valore d'impresa di superiore a 700 milioni...

Continua a leggere

Il 25 settembre 1979 tra le ore 8,30 e le 9,00, alla Squadra Mobile di Palermo arrivava notizia che all'angolo tra le via Rutelli e la via De Amicis c'era stata una sparatoria. Precipitatisi sul posto, gli inquirenti rinvenivano, seduto al posto guida dell'autovettura FIAT 131 Tg. PA 518330, il cadavere del giudice Cesare Terranova, accanto al quale c'era, ferito mortalmente, il m.llo di P.S. Lenin Mancuso che immediatamente trasportato in Ospedale, a causa delle ferite riportate, poco dopo decedeva. La macchina era ferma all'altezza del numero civico 38 della via De Amicis, ed aveva la chiave d'accensione inserita nel quadro in posizione di acceso, la leva del cambio in posizione di retromarcia e le corrispondenti luci posteriori ancora accese.

Era quindi facile capire che il Terranova stava facendo un piccolo tratto di strada a marcia indietro per immettersi nel flusso della...

Continua a leggere