info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 07/07/2020

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Jole Santelli con Berlusconi

Pubblichiamo questa inchiesta di Enrico Fierro e Lucio Musolino apparsa oggi sul Fatto. Riguarda la Calabria, ma è un esempio di come viene sprecato il denaro pubblico per promuovere l'immagine regionale che riguarda tante altre realtà, compresa quella campana.

 

Per promuovere il “brand Calabria”, e farlo in modo “emozionale”, arriva in riva allo Stretto “il regista dell’amore”, Gabriele Muccino. Le parole tra virgolette sono tutte della presidente Jole Santelli che governa la sua regione da Roma e con i romani. Dopo il Covid bisogna ridisegnare l’immagine della Calabria nel mondo. Non più “sfasciume pendulo sul mare” (Giustino Fortunato), non più luogo della eterna commistione tra politica e mafia (gli ultimi coinvolgimenti di consiglieri della maggioranza e di un assessore in inchieste la dicono lunga), ma terra di sole, mare e agrumi. E allora la Santelli chiama Mu...

Continua a leggere

Michele Grimaldi

Michele Grimaldi è consigliere comunale a Scafati.

 

 

Ieri Don Peppino De Luca ha scritto una lettera densa di affetto e di speranza alla nostra comunità. Lo ha fatto partendo da uno dei passaggi fondamentali della Bibbia, e cioè la domanda che Dio rivolge a Caino: «Dov'è Abele, tuo fratello?».Custodire il fratello, cioè l'altro, prendersi cura del prossimo, "avere cura" come possesso non materiale ma dovere sentito nell'intimo, è uno degli insegnamenti più preziosi che si possano ricevere. «Homo homini lupus»: Hobbes citava il latino Plauto per descrivere la natura egoistica e fratricida dell'essere umano. Eppure, a questa concezione – che è divenuta quasi convenzione – c'è invece un'alternativa, ed è la scritta che campeggiava su di una parete della scuola di Barbiana di Don Milani: «I care», mi faccio carico, mi interesso dell'altro, ho a cuore la vita altrui. Scelgo, insomma, di essere custode.

A «la società non esiste, esistono solo gli individui», motto di una celebre premier britannica degli anni Ottanta, possiamo e dobbiamo sempre frapporre l'«omnia sunt communia», tutto è di tutti, di Thomas Müntzer, uno dei capi dei ribelli della guerra dei contadini. Lo stesso Corano, con la prescrizione dello zakāt, fa della redistribuzione un obbligo fondamentale del percorso religioso di ogni credente. Questa scelta dunque, tra il primeggiare ed il prendersi cura, questa dicotomia tra il narcisismo e l'avidità di Caino e la fratellanza universale, è un bivio che quotidianamente affrontiamo nei tornanti – lavorativi, sociali, affettivi – della nostra esistenza quotidiana.

Un bivio che interessa anche e forse soprattutto chi sceglie – per l'appunto, sceglie – di dedicare un pezzo del proprio percorso di vita all'impegno pubblico, a...

Continua a leggere

Questo articolo di Gianmaria Roberti è apparso oggi sul Quotidiano del Sud.

 

 

Appalti Soresa, blitz dei carabinieri nella sede della società regionale. Secondo quanto scrive l’edizione napoletana di Repubblica, gli investigatori dell’Arma si sono presentati alla centrale per gli acquisti della Regione, portando via alcuni documenti. La procura di Napoli avrebbe aperto un monitoraggio, tra l’altro, sui lavori per gli ospedali modulari. La gara della Soresa riguarda i blocchi per la terapia intensiva, realizzati al Ruggi, all’Ospedale del Mare e a quello di Caserta.

I costi. Quasi 110.000 euro spesi per ciascuno dei 24 posti letto di terapia intensiva, nell’ospedale da campo sotto al Ruggi d’Aragona, riservato a pazienti Covid. Altrettanti per quelli dell’Ospedale del Mare a Napoli (72 posti) e del San Sebastiano a Caserta (24 posti). Strutture allestit...

Continua a leggere

Daniele, lo staff di Sorsi e Morsi con l'attore Giovanni Scifoni

Quando il 9 marzo, senza che ci fossero ancora disposizioni in merito, ho deciso di abbassare la serranda di Sorsi e Morsi, così come altri esercenti della mia città, Nocera Inferiore, non pensavo che avremmo vissuto un periodo così buio. Abbiamo camminato nell’incertezza. Da soli. Affermare che la Fase 1 e l’inizio della Fase 2 siano state negative potrebbe apparire quasi riduttivo.

Io e tanti dei miei colleghi ci siamo ritrovati a gestire utenze, affitti, mutui e forniture in completa solitudine, mentre dall’altro lato si rincorrevano promesse di aiuti e di sostegni che non sono arrivati con la stessa puntualità con cui venivano annunciati. Il blocco della consegna a domicilio è stata la batosta più forte, considerata anche la concomitanza con il periodo pasquale. La Regione Campania ha sicuramente agito nell’interesse della salute dei cittadini; al tempo stesso avrebbe potuto ponderare possibili “corridoi” per consentire un minimo di lavoro a tanti di noi. Sarebbe stato più facile, forse, rimetterci in carreggiata. Non mancano, infatti, le incertezze. Probabilmente il carico sarebbe stato meglio condiviso.

L’unica parentesi positiva di questo tempo è stata la preparazione del pranzo di Pasqua per i poveri del territorio, iniziativa promossa dalla Caritas diocesana. Rimettermi dietro i fuochi per questa causa ha dato un senso diverso alla quarantena. Sorsi e Morsi nasce nel 2017 come enoteca e degustazioni: vendita al dettaglio di vini e prodotti tipici abbinata, in alcuni giorni, ad una ristorazione di qualità.È stato pensato in questo modo per coniugare il piacere di mangiare al ristorante, in un ambiente raccolto e riservato, familiare, alla possibilità di continuare a degustare a casa propria alcuni prodotti dell’eccellenza enogastronomica itali...

Continua a leggere

Monsignor Di Donna

“Ormai verso la conclusione di questo primo periodo del tempo di pandemia, la speranza è che, una volta terminata, medici, infermieri, volontari, forze dell’ordine e istituzioni continueranno ad aver cura di noi con la stessa passione, competenza e spirito di sacrificio dimostrati in questi giorni e per i quali li ringraziamo. Anche se, comprensibilmente, lo faranno in forme e orari più adeguati. Ma io chiedo loro di non mollare e di continuare ad aver cura del popolo, della gente!”. È l’appello lanciato da mons. Antonio Di Donna, vescovo di Acerra, nella messa in cattedrale, in diretta streaming e senza concorso di popolo.

Il riferimento è chiaro: “Ah! Se si mettesse lo stesso impegno, da parte soprattutto delle istituzioni, nel combattere un’altra emergenza connessa con quella sanitaria che stiamo vivendo: l’emergenza dell’inquinamento ambientale, che in questo tempo sembra ...

Continua a leggere

Valerio Taglione

Questo pezzo di Enrico Fierro è apparso oggi sul Fatto.

 

La vita di Valerio Taglione cambiò all’improvviso una mattina alle 7,30. E da allora fu una vita straordinaria. Quel giorno, il 19 marzo 1994, un tizio entra nella chiesa di San Nicola a Casal di Principe, chiede del prete. “Chi è don Peppe?”, i pochi parrocchiani presenti indicano la sagrestia. Il prete è lì. Il tizio entra e spara. Cinque colpi. Mortali. Uccide Don Peppe Diana, il prete ostinato, un angelo per la sua gente, il diavolo in persona per i boss che in quegli anni dominavano incontrastati a Casale e nell’Agro aversano. “In nome del mio popolo non tacerò”, diceva don Peppe. Ed accendeva cervello e anima dei giovani.

Di Valerio, cattolico e scout, che credeva nel riscatto della sua terra e che in don Peppe vedeva uno straordinario punto di riferimento. Quante riunioni, quanto incontri, anche c...

Continua a leggere

Emanuele Macaluso

Gianni Iuliano ha postato sul suo profilo fb un intervento di Emanuele Macaluso. Quest'ultimo, in pratica, sostiene che bisogna andare a votare con una nuova elettorale e ribadisce il primato della politica. Su questi temi pubblichiamo un intervento di Lorenzo Guarnaccia.

 

Non è facile, e non vi è necessità di farlo, contestare le considerazioni semplici, molto semplici, per un uomo di sinistra, di Emanuele Macaluso. Resta l'eterna domanda di noi vecchi Pci: ma il Pd, questo partito che ha queste posizioni e queste preoccupazioni, che c'entra con la sinistra? Se, come dice chiaramente nel suo articolo, non funziona la vita democratica della nazione, possiamo pensare che si approvi una legge elettorale che ridia ruolo e funzioni a partiti che non esistono e a un elettorato sbandato e impaurito?

La possibilità di riaggregare a sinistra un polo progressista che r...

Continua a leggere