info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 07/07/2020

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Jole Santelli con Berlusconi

Pubblichiamo questa inchiesta di Enrico Fierro e Lucio Musolino apparsa oggi sul Fatto. Riguarda la Calabria, ma è un esempio di come viene sprecato il denaro pubblico per promuovere l'immagine regionale che riguarda tante altre realtà, compresa quella campana.

 

Per promuovere il “brand Calabria”, e farlo in modo “emozionale”, arriva in riva allo Stretto “il regista dell’amore”, Gabriele Muccino. Le parole tra virgolette sono tutte della presidente Jole Santelli che governa la sua regione da Roma e con i romani. Dopo il Covid bisogna ridisegnare l’immagine della Calabria nel mondo. Non più “sfasciume pendulo sul mare” (Giustino Fortunato), non più luogo della eterna commistione tra politica e mafia (gli ultimi coinvolgimenti di consiglieri della maggioranza e di un assessore in inchieste la dicono lunga), ma terra di sole, mare e agrumi. E allora la Santelli chiama Mu...

Continua a leggere

Mimmo Lucano

Questo articolo di Lucio Musolino è apparso sul Fatto.it

 

Dopo il Tar di Reggio Calabria anche il Consiglio di Stato boccia il ricorso del Viminale sul caso Riace. È stato respinto, infatti, l’appello che il ministero dell’Interno aveva promosso contro l’annullamento del provvedimento con il quale, nell’ottobre 2018, era stato revocato il progetto Sprar. La sentenza è arrivata nei giorni scorsi e, anche se il nuovo sindaco leghista Tonino Trifoli non festeggia per la vittoria della sua amministrazione, di fatto contro il segretario del suo partito, l’unico dato certo è che per la seconda volta, i giudici amministrativi danno ragione al Comune di Riace e a quel modello di accoglienza dei migranti realizzato dall’ex sindaco Mimmo Lucano.

L’arresto di quest’ultimo (oggi libero e sotto processo davanti al Tribunale di Locri per la gestione dei fondi destinati all’integrazione dei migranti) e la sua sospensione da sindaco avevano dato la stura alla decisione del ministero dell’Interno, guidato all’epoca da Matteo Salvini, di revocare i progetti Sprar che, appena un mese prima, erano stati approvati dallo stesso Viminale. Ricostruendo la vicenda, il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero aveva applicato 34 punti di penalità al Comune di Riace, decidendo a distanza di qualche settimana di revocare i benefici accordati all’ente nel 2016 facendo così saltare un finanziamento annuale di oltre 2 milioni di euro per un progetto triennale che prevedeva l’accoglienza di 165 immigrati. Il tutto senza spiegare nel dettaglio quali erano le problematiche contestate al Comune (che aveva anticipato le somme) e senza concedere un termine per sanare la situazione.

Secondo il ministero dell’Interno, infatti, la revoca era da consi...

Continua a leggere

Ormai il copione è diventato stantio. Movida violenta al centro di Nocera, gente che si lamenta, il sindaco Torquato scrive al prefetto e chiede maggiori controlli. E siccome a noi i brodini riscaldati non piacciono forse vanno dette alcune cose, senza ipocrisie.

1) In tutte le città dove ci sono locali e assembramenti di ragazzi esistono seri problemi di ordine pubblico. Togliamoci dalla testa che si possa controllare tutto. Chi lo dice mente. 

2) La repressione pura e semplice non serve a nulla. Un esempio per tutti: gli inutili divieti sulla chiusura dei bar e la vendita di alcolici nella fase più acuta del Covid. Chi si vuole sballare lo fa sempre e comunque.

3) Ci sono i gestori di alcuni locali, pochi fortunatamente, che sono degli irresponsabili. Vanno, loro per primi, colpiti con grande durezza quando sbagliano mettendo le mani nelle loro tasche. E' l'u...

Continua a leggere

Claduio Pagano

Sono trascorsi esattamente tre mesi da quando il mondo ha deciso di “chiudere”. Dopo un comprensibile sbandamento iniziale, perché per tutti noi è stata una situazione assolutamente nuova, abbiamo cominciato a fare quello che sappiamo fare meglio e in un pomeriggio e con un giro di qualche telefonata io e Giusy Dalila De Prisco di Aretè, abbiamo messo in moto una macchina di solidarietà lanciata a 200 km l’ora e che non riusciamo più a fermare.

Abbiamo avviato una raccolta fondi per l’acquisto di un ventilatore polmonare per l’ospedale di Sarno. Poi, non siamo riusciti più a fermarci e abbiamo raccolto in solo due settimane più di 55mila euro. Abbiamo acquistato due ventilatori polmonari top di gamma, un elettrocardiografo, un video laringoscopio e 40 lame per il suo utilizzo e 600 mascherine ffp2 con certificazione ministeriale che abbiamo distribuito ai medici, agli infermieri e a tutto il personale sanitario ed a tutti quelli che lavorano a stretto contatto con l’ospedale ed ai sanitari del 118. Come A.S.I. (Associazione solidarietà internazionale) ed Aretè (Associazione culturale) siamo riusciti a coinvolgere tutte queste associazioni: Circolo Legambiente per la Valle del Sarno, ASD Verditalia, Volley San Valentino, ALMAMENTE per San Marzano, Nuova Officina Onlus, Insieme si può – Sarno, ANMIG – Sezione Sarno, Associazione Musicale Sarno Live, Associazione Viva, Associazione Branco Solidale Onlus, Oratorio ANSPI S. Michele Episcopio E tutte queste aziende: La Piemontese s.a.s. di Marianna Mandola per la donazione di 20.000 €, Solania s.r.l. 5000, Odierna Andrea e figli s.r.l. 5000, Ortaggi Buono s.r.l. 1000.

Finita la raccolta per assicurare al nostro nosocomio attrezzature di altissimo livello per far fronte alla gestione dell’emergenza e per ren...

Continua a leggere

Maria Rita Gismondo

Questo pezzo della virologa Maria Rita Gismondo è stato pubblicato sul Fatto di oggi.

 

Pensare e programmare il futuro è merito di pochi. L’Oms ha allertato e invitato più volte a prepararsi a una nuova pandemia. Ha creato il Pip, Pandemic influenza preparedness, in cui si legge che “l’implementazione di misure di risposta possono essere rafforzate con attività di preparazione avanzata”. Dal 2012 al 2019, ha potuto contare su un budget di quasi 200 milioni di dollari . Nel 2018 è stato pubblicato “Essential steps for developing or updating a national pandemic influenza preparedness plan” (“Passi essenziali per lo sviluppo e l’aggiornamento di un piano nazionale di preparazione a una pandemia influenzale”) che avvertiva: “Il mondo deve aspettarsi un’epidemia di influenza killer e anzi deve essere sempre vigile e preparato in modo tale da poter combattere la pandemia ch...

Continua a leggere

Olga Savchenko

Si chiamava Olga Savchenko. Aveva solo 42 anni ed è stata stroncata da una emorragia cerebrale. Era nata in Russia, ma da anni viveva a Scafati. I parenti hanno autorizzato l'espianto di quegli organi che potrebbero salvare la vita a tanti essere umani.

Solo che qualche schifoso ha voluto infierire su Olga, toglierle i pochi oggetti di valore che aveva. In ospedale a Nocera sono spariti un cellulare, una catenina d’oro, due anelli, un bracciale e degli orecchini. Tutto era stato riposto in un armadietto. Tra questi monili c'era anche una medaglietta che aveva ricevuto dalla madre quando lasciò il suo paese. La notizia, pubblicata da Salvatore D'Angelo su la Città, lascia senza parole.

E' come se l'avessero massacrata nei suoi affetti più intimi, privata dei contatti con la terra dove era nata e cresciuta. Definirlo una bestia non ha senso. Gli animali hanno regole che ...

Continua a leggere

Giuseppe Canfora

I quotidiani parlano di una spaccatura nella maggioranza a Sarno. I fatti, nudi e crudi, sono questi. Il gruppo "Sarno in Movimento" (Emilia Esposito, Franco Robustelli e Renzo Bacarelli) ha indirizzato una dura nota al sindaco Giuseppe Canfora (Pd). Si legge: “In virtù degli ultimi avvenimenti a cui abbiamo assistito, non possiamo più deludere i tanti cittadini che rappresentiamo e che oggi ci chiedono di dare un nuovo impulso all'attività amministrativa. La storia di questo breve excursus di governo narra di una maggioranza cittadina che ha assunto una nuova forma. Se poi aggiungiamo gli ultimi eventi che hanno portato all'ufficializzazione delle dimissioni dell’assessore alla Cultura e alle Politiche sociali (Vincenzo Salerno), è d’obbligo chiedere un’attenta riflessione sull'attuale giunta. Siamo convinti che una rivisitazione dell’assetto amministrativo è d’obbligo ed è fondato s...

Continua a leggere