info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 22/10/2019

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Ho sposato una donna georgiana. Dopo varie tribolazioni ci siamo separati. Mi vergogno a dirlo, ma ci sono stati momenti in cui ho pensato che questo fosse accaduto perché eravamo diversi, di razze diverse. Era una stronzata. Ci saremmo lasciati anche se lei fosse stata di San Valentino Torio. Nella vita capita. E capita di fare ragionamenti razzisti, giusto per iniziare a chiamare le cose con il loro nome.

Negli anni ho percorso decine di migliaia di chilometri in Europa per turismo,  lavoro e studio. Ho viaggiato in auto, non con i comodi tour organizzati. E tutto quello che ho visto mi ha lasciato qualcosa dentro, mi ha fatto crescere, anche se non sempre sono state cose positive.

Nella mia mente ci sono ancora le splendide spiagge di Kobuleti, in Georgia, sul mar Nero, l'antica Trebisonda, in Turchia, crocevia di traffici illeciti, la splendida caserma dei vigili del fuoco a Leopoli, in Ucraina, il maxi mercato di auto usate gestito dai rom appena fuori Belgrado, il campo di sterminio di Dachau, a pochi chilometri dall'opulenta Monaco. Tutto questo mi ha arricchito, mi ha fatto diventare, almeno spero, un uomo migliore. 

Lo straniero non è mai stato un nemico, anzi. Ho pensato sempre che l'integrazione tra popoli anche diversissimi per cultura e tradizioni sia l'unica strada percorribile per avere un mondo più giusto. Si possono costruire muri, chiudere porti, schierare l'esercito, ma alla fine il razzismo perderà. E' nell'ordine naturale delle cose.

In quelle acque vicino Lampedusa hanno perso tutti. Respingendo quella quarantina di disgraziati hanno tentato di seppellire l'idea di una convivenza, di una reciprocità che prescinde da colore della pelle, religione, tradizioni. Accettazione nella diversità perché chi non è come me può solo arricchirmi. Sono convinto che questa idea vincerà. E' solo una questione di tempo.