info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 16/04/2021

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Più ci si avvicina alle elezioni, più cresce lo scontro. E' un fatto fisiologico e sta accadendo anche a Nocera dove l'undici di giugno in otto si contenderanno la poltrona di sindaco. Sarà il trascinamento emotivo, sarà il carattere spesso personale della polemica, ma capita di sentire cose gravissime.

Durante un incontro con il candidato ufficiale del centrodestra, Pasquale D'Acunzi, il parlamentare di Fratelli d'Italia Edmondo Cirielli ha detto che in città ci sono persone che non si sono candidate perché hanno subito minacce. Laddove la cosa fosse provata ci sarebbero gli estremi per annullare le elezioni. Cirielli non fa nomi. E' solo presumibile che quando ha lanciato un'accusa così pesante pensasse al principale avversario di D'Acunzi, il sindaco uscente Manlio Torquato.

Storicamente i rapporti tra Cirielli e Torquato sono sempre stati burrascosi ma, adesso, non è questo il punto. Se Cirielli, che è oltretutto un alto ufficiale dei carabinieri, ha le prove deve fare solo una cosa: andare in procura e denunciare. Altrimenti siamo alla chiacchiera da bar, a quella stessa chiacchiera che, invece, descrive uno scenario assolutamente opposto: data la difficoltà di formare le liste alcune persone sarebbero state pagate (poco, in verità) per candidarsi.

Inciuci insomma, dicerie di paese. Allora, pur nella comprensibile animosità della campagna elettorale, le parole andrebbero scelte con cura e misura altrimenti si rischia di superare i limiti del civile confronto democratico.