info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 28/11/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Editoriali/656

Andrea Vagito (Foto di Luigi Pepe)

Per alcuni giorni si era parlato della candidatura a sindaco di Andrea Vagito. Già assessore con Torquato, avvocato e maratoneta, ebbe il suo momento di gloria per la storia del sacchetto della spazzatura. In sostanza, lo beccarono mentre lanciava dall'auto un po' di monnezza. Lui si difese sostenendo che al volante non c'era lui ma un amico a cui aveva prestato la sua vettura. Nonostante questo si dimise. Una vicenda grottesca perché, alla fine, se non aveva colpe non si capisce perché abbia poi deciso di andare via. Da allora il silenzio (politico). Quindi un post su Facebook dove annuncia la sua candidatura a sindaco riconoscendosi nell'area del centrodestra.

E' sicuramente un elemento nuovo, imprevisto. Poi, sempre su Facebook, annuncia al mondo che si ritira. Vi risparmio le motivazioni: se avete voglia e tempo potrete leggerle sul suo profilo. Alla fine mi chiedo una cosa: ma all'avvocato, maratoneta e prestatore incauto di macchine a  lanciatori di sacchetti di spazzatura non sarà venuto il dubbio che per essere eletti ci vogliono i voti?

Carlo Meoli

Continua a leggere

Foto di Luigi Pepe

Questo articolo è stato pubblicato alcuni giorni fa sulla "Città" di Salerno. E' uno spaccato devastante.

"Il tribunale di Nocera Inferiore penultimo in Italia in materia di affari contenziosi nel settore Civile: lo certifica la ricerca condotta da Fabio Bartolomeo, direttore del servizio statistica del Ministero della Giustizia e pubblicata dal “Sole 24 Ore”. Secondo i dati sui procedimenti trattati fino al primo gennaio scorso nei 140 tribunali d’Italia, quello di Nocera Inferiore è al 139esimo posto, peggio ha fatto solo Enna che chiude la classifica. A Nocera, infatti, i procedimenti in corso in materia di contenzioso civilistico, alla fine del 2016, erano 18.587, di cui il 38% pendenti ultratriennali. La durata media di un procedimento è stata fissata a 1.038 giorni, con un rapporto definiti/iscritti di solo lo 0,97%. I posti vacanti dei magistrati togati sul totale degli...

Continua a leggere

A destra Adele Tirelli

Pubblichiamo questo intervento di Adele Tirelli. Dice molte cose ma, soprattutto, esprime il disorientamento rispetto a una certa piega che sta prendendo questa campagna elettorale a Nocera.

"Un piccolo, ma doveroso chiarimento in merito alle prossime elezioni comunali a Nocera Inferiore. Avevo già in mente si farlo a tempo debito, ma quando anche Manlio Torquato, sindaco in carica della mia città, incontrandomi per strada, si è fermato congratulandosi per la mia candidatura, complimentandosi e compiacendosi di avere una valida avversaria per le prossime amministrative, allora ho pensato che era il momento di dover pubblicamente chiarire la mia posizione. 

In primis sento il dovere di ringraziare gli amici del M5S per la fiducia e la considerazione che hanno dimostrato nei miei confronti, proponendomi la candidatura nella loro lista, molte delle loro idee sono anche le mie, come pure molte battaglie mi vedono molto d'accordo, ma solo questo non basta! Inoltre è da un po' di tempo che sento circolare il mio nome, mi arrivano messaggi di auguri, in bocca al lupo e come se non bastasse addirittura alcune testate giornalistiche mi hanno indicata come probabile candidata alla poltrona di sindaco. A questo punto, è d'uopo precisare un paio di cose. Senza voler offendere nessuno la mia visione politica non è legata né al potere né ad interessi personali, ma piuttosto al benessere comune, alla res publica. Non sono parole di circostanza (non ne ho bisogno), ma sono i comandamenti che hanno contrassegnato la mia vita professionale e privata per quel poco che ho potuto dare e fare. 

Secondo, ma non per importanza, c'è un problema ed è quello delle candidature. Come per le altre elezioni comunali, è pronto a scendere in campo un esercito di candidati, pe...

Continua a leggere

Alfonso Schaivo

Alfonso Schiavo, un galantuomo senza ombra di dubbio, nella sua corsa a sindaco dovrebbe incassare l'appoggio dell'ex primo cittadino Antonio Romano. Sull'operato dei politici vanno sempre fatte valutazioni politiche. Ebbene, meglio chiarirlo subito, secondo noi Schiavo deve scegliersi meglio i compagni di strada. Non è una questione di vecchiaia anagrafica. E' un problema di natura etica.

Si sente parlare a Nocera, di nuovo dopo anni, di box interrati, parcheggi dati in gestione ai privati, nuove lottizzazioni. Non vorremmo trovarci di nuovo di fronte al partito del cemento. Abbiamo dei dubbi. Schiavo chiarisca bene cosa vuole fare e, soprattutto, con chi lo vuole fare. E, anche questo servirebbe, spieghi ai cittadini cosa gli è stato chiesto in cambio da alcuni maggiorenti che lo stanno sponsorizzando. Questo discorso, naturalmente, non vale solo per Schiavo. 

Auspic...

Continua a leggere

Si è conclusa con il rinvio a giudizio di tutti gli indagati l'udienza preliminare per il
fallimento della Ifil. Tra gli imputati anche Piero De Luca, figlio del governatore della Campania. Il gup del tribunale di
Salerno, Sergio De Luca, ha disposto il processo per il 29 maggio prossimo. De Luca jr è accusato di bancarotta fraudolenta per alcuni biglietti aerei che sarebbero stati pagati per lui con denaro della società Ifil dall'imprenditore Mario Del Mese. Quest'ultimo ha patteggiato la pena assieme al cognato Vincenzo Lamberti.

Andrà a giudizio invece la moglie di Del Mese, Valentina Lamberti. Del Mese conil patteggiamento ha subìto una condanna a 7 mesi di reclusione,mentre il cognato Vincenzo Lamberti è stato condannato ad un anno e sei mesi. Il gup quest'oggi ha inoltre rinviato a giudizio per il crac della Ifil, società satellite del pastifici...

Continua a leggere

La Finanza che piomba nella sede del Sole 24 Ore è solo la punta dell'iceberg. E' gravissimo che uno dei più autorevoli quotidiani europei, proprietà della Confindustria, abbia, tra le altre cose, gonfiato i dati di vendita e imbrogliato gli azionisti. Non è solo questo. E' il sistema che collassa. Non meno grave è avere consentito una fusione che oggi crea un monopolio informativo (e pubblicitario) grazie all'alleanza tra Stampa, Repubblica e Secolo XIX. Senza contare le indagini che, oltre al gruppo l'Espresso, riguardano i Monti per presunte irregolarità ai danni dell'Inps sulla dichiarazione degli stati di crisi delle aziende editoriali. 

Insomma, chi dovrebbe vigilare, denunciare, essere guardiano per garantire democrazia e trasparenza è marcio fino al midollo. Naturalmente in questo contesto a pagare il prezzo più pesante sono i giovani cronisti bravi (pochi, in verità)....

Continua a leggere