info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 26/09/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Editoriali/636

A destra Adele Tirelli

Pubblichiamo questo intervento di Adele Tirelli. Dice molte cose ma, soprattutto, esprime il disorientamento rispetto a una certa piega che sta prendendo questa campagna elettorale a Nocera.

"Un piccolo, ma doveroso chiarimento in merito alle prossime elezioni comunali a Nocera Inferiore. Avevo già in mente si farlo a tempo debito, ma quando anche Manlio Torquato, sindaco in carica della mia città, incontrandomi per strada, si è fermato congratulandosi per la mia candidatura, complimentandosi e compiacendosi di avere una valida avversaria per le prossime amministrative, allora ho pensato che era il momento di dover pubblicamente chiarire la mia posizione. 

In primis sento il dovere di ringraziare gli amici del M5S per la fiducia e la considerazione che hanno dimostrato nei miei confronti, proponendomi la candidatura nella loro lista, molte delle loro idee sono anche le mie, come pure molte battaglie mi vedono molto d'accordo, ma solo questo non basta! Inoltre è da un po' di tempo che sento circolare il mio nome, mi arrivano messaggi di auguri, in bocca al lupo e come se non bastasse addirittura alcune testate giornalistiche mi hanno indicata come probabile candidata alla poltrona di sindaco. A questo punto, è d'uopo precisare un paio di cose. Senza voler offendere nessuno la mia visione politica non è legata né al potere né ad interessi personali, ma piuttosto al benessere comune, alla res publica. Non sono parole di circostanza (non ne ho bisogno), ma sono i comandamenti che hanno contrassegnato la mia vita professionale e privata per quel poco che ho potuto dare e fare. 

Secondo, ma non per importanza, c'è un problema ed è quello delle candidature. Come per le altre elezioni comunali, è pronto a scendere in campo un esercito di candidati, pe...

Continua a leggere

Alfonso Schaivo

Alfonso Schiavo, un galantuomo senza ombra di dubbio, nella sua corsa a sindaco dovrebbe incassare l'appoggio dell'ex primo cittadino Antonio Romano. Sull'operato dei politici vanno sempre fatte valutazioni politiche. Ebbene, meglio chiarirlo subito, secondo noi Schiavo deve scegliersi meglio i compagni di strada. Non è una questione di vecchiaia anagrafica. E' un problema di natura etica.

Si sente parlare a Nocera, di nuovo dopo anni, di box interrati, parcheggi dati in gestione ai privati, nuove lottizzazioni. Non vorremmo trovarci di nuovo di fronte al partito del cemento. Abbiamo dei dubbi. Schiavo chiarisca bene cosa vuole fare e, soprattutto, con chi lo vuole fare. E, anche questo servirebbe, spieghi ai cittadini cosa gli è stato chiesto in cambio da alcuni maggiorenti che lo stanno sponsorizzando. Questo discorso, naturalmente, non vale solo per Schiavo. 

Auspic...

Continua a leggere

Si è conclusa con il rinvio a giudizio di tutti gli indagati l'udienza preliminare per il
fallimento della Ifil. Tra gli imputati anche Piero De Luca, figlio del governatore della Campania. Il gup del tribunale di
Salerno, Sergio De Luca, ha disposto il processo per il 29 maggio prossimo. De Luca jr è accusato di bancarotta fraudolenta per alcuni biglietti aerei che sarebbero stati pagati per lui con denaro della società Ifil dall'imprenditore Mario Del Mese. Quest'ultimo ha patteggiato la pena assieme al cognato Vincenzo Lamberti.

Andrà a giudizio invece la moglie di Del Mese, Valentina Lamberti. Del Mese conil patteggiamento ha subìto una condanna a 7 mesi di reclusione,mentre il cognato Vincenzo Lamberti è stato condannato ad un anno e sei mesi. Il gup quest'oggi ha inoltre rinviato a giudizio per il crac della Ifil, società satellite del pastificio Amato, anche Giuseppe Amato, Luigi Avino, Emilio Ferraro e Marianna Gatto. Il processo si terrà dinanzi alla prima sezione penale del tribunale di Salerno.

Continua a leggere

La Finanza che piomba nella sede del Sole 24 Ore è solo la punta dell'iceberg. E' gravissimo che uno dei più autorevoli quotidiani europei, proprietà della Confindustria, abbia, tra le altre cose, gonfiato i dati di vendita e imbrogliato gli azionisti. Non è solo questo. E' il sistema che collassa. Non meno grave è avere consentito una fusione che oggi crea un monopolio informativo (e pubblicitario) grazie all'alleanza tra Stampa, Repubblica e Secolo XIX. Senza contare le indagini che, oltre al gruppo l'Espresso, riguardano i Monti per presunte irregolarità ai danni dell'Inps sulla dichiarazione degli stati di crisi delle aziende editoriali. 

Insomma, chi dovrebbe vigilare, denunciare, essere guardiano per garantire democrazia e trasparenza è marcio fino al midollo. Naturalmente in questo contesto a pagare il prezzo più pesante sono i giovani cronisti bravi (pochi, in verità)....

Continua a leggere

Foto di Luigi Pepe

La Cassazione si è pronunciata. Niente arresto per Aliberti, il fratello e due esponenti del clan Ridosso. Gli atti tornano al Riesame per valutare se sussistano esigenze cautelari tali da giustificare la detenzione in carcere. In attesa di esaminare nello specifico il provvedimento, nella sostanza la Corte ha espresso quelle perplessità sulla necessità della reclusione che noi di Saleincorpo, beccandoci non pochi improperi e accuse di "superficialità", avevamo anticipato. Ora non resta che attendere un processo e una sentenza per stabilire le eventuali responsabilità penali. Le colpe politiche, naturalmente, andranno valutate in altre sedi.

Carlo Meoli

Continua a leggere

L'Osservatorio Indipendente di Bologna segue da anni il fenomeno dei morti sul lavoro. Sono 102  i lavoratori morti per infortuni sul lavoro al 4 marzo 2017 (oltre 200 con le morti sulle strade e in itinere). Già 12 schiacciati dal trattore dall’inizio dell’anno. I morti sui luoghi di lavoro sono stati 86 il 29 febbraio 2016 +12,3%. Erano 90 il 29 febbraio 2008 +8,3

Morti nelle province italiane per ordine decrescente. Sono esclusi dalle province i morti sulle autostrade e all’estero.

ABRUZZO 17 L'Aquila (5), Chieti (), Pescara (11) Teramo (1).

VENETO 13 Venezia (2), Belluno (), Padova‎ (1), Rovigo (3), Treviso (1), Verona (3), Vicenza (3).

LOMBARDIA 9 Milano (3), Bergamo (1), Brescia (1), Como (), Cremona (), Lecco (2), Lodi (1), Mantova (), Monza Brianza (), Pavia (), Sondrio (1), Varese ().

CAMPANIA 10 Napoli (5), Avellino (), Benevento (1), ...

Continua a leggere