info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 26/09/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Diamo a Cesare, e quindi a Sergio Mattarella, il merito principale di averci riportato un secolo dopo una fascista, post, ex, para, al governo. La folle decisione di assecondare Renzi nell’operazione di killeraggio del Conte 2, sta alla base di tutto. Quella di non sciogliere anticipatamente le Camere allora, contraddetta dalla precipitosa accettazione dell’otto settembre draghiano, sta al secondo gradino di una scala reale, che prosegue con la scelta del banchiere centrale.

La terza scelta extraparlamentare di un tecnico ha avuto esattamente gli stessi effetti delle altre. Quella di Ciampi, almeno partorita dalla dissoluzione giudiziaria dei partiti di Tangentopoli, prodromo dell’esplosione berlusconiana. Quella di Monti viatico alla affermazione dei 5 stelle. Questa, dei post, ex, para. La politica cacciata dalla porta rientra sempre dalla finestra. Con il di più che, dei tr...

Continua a leggere

Pubblichiamo l'ordinanza del sindaco di Nocera Inferiore Manlio Torquato contro l'accattonaggio

OGGETTO: Ordinanza in materia di decoro e sicurezza urbana inerente il divieto di accattonaggio e mendicità molesta
IL SINDACO
Visto l’articolo 54, comma 4, del d.lgs. 18.8.2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, nella parte in cui prevede che il Sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta con atto motivato provvedimenti, anche contingibili ed urgenti, nel rispetto dei principi generali dell’Ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana; Visto l’articolo 54, comma 4-bis, del d.lgs. 18.8.2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, nella parte in cui dispone che con decreto del Ministro dell’interno è disciplinato l’ambito di applicazione delle disposizioni di cui al comma 4 sopra citato con riferimento alle definizioni relative alla incolumità pubblica e alla sicurezza urbana; Visto l’articolo 2 del decreto del Ministro dell’interno 5 agosto 2008 – emesso in attuazione dell’articolo 54, comma 4-bis d.lgs. 18.8.2000, n. 267 - nella parte in cui vengono elencati i possibili interventi del Sindaco al fine di realizzare gli obiettivi di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana precisandosi la possibilità di intervenire per prevenire e contrastare: a) le situazioni urbane di degrado o di isolamento che favoriscono l’insorgere di fenomeni criminosi, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio con impiego di minori e disabili e i fenomeni di violenza legati all’abuso di alcool; b) le situazioni in cui si verificano comporta...

Continua a leggere

Capita a tutti di fermarsi e pensare a quello che si era, a ciò in cui si credeva. Nel 1974 sono diventato un militante di Lotta Continua. Da allora ho vissuto, in modo discontinuo, le tragiche vicende della sinistra italiana. La lotta armata, il riflusso, l'esperienza dei radicali, i cambiamenti del Pci. Dio solo sa quanti errori ho commesso, abbiamo commesso. Avevamo una speranza: contribuire a creare una società più giusta, equa, solidale.
Illusioni? Sicuramente quando ricordo certi discorsi, alcune prese di posizione, devo ammettere che  una buona dose di onirica credenza c'era. Non ho mai pensato di paragonare periodi storici così diversi né credo che abbia un senso, oggi, discutere sulla positività o negatività di presunte eredità che abbiamo potuto trasmettere. Eravamo semplicemente quello che avevamo deciso di essere, niente di più, niente di meno. Eppure avverto spesso u...

Continua a leggere

A San Marzano, per una presunta vicenda di appalti sospetti, due assessori sono stati interdetti dai pubblici uffici. Per due mesi, in pratica, non potranno mettere piede al Comune. Alcuni tecnici dell'Ente, per la stessa storia, devono stare lontani dalla città (si chiama divieto di dimora). Il provvedimento interdittivo era stato chiesto dal pm per lo stesso sindaco Cosimo Annunziata, ma il giudice lo ha rigettato.
Da un punto di vista giudiziario tutti sono innocenti fino a prova contraria. Politicamente la questione è molto diversa. Annunziata ha detto che andrà avanti, nonostante tutto. Di fatto il suo esecutivo è dimezzato. Ha parlato, naturalmente, di "complotti" maturati negli uffici comunali. Noi pensiamo che l'amministrazione, per difendere la sua dignità, ammesso che ce l'abbia, dovrebbe fare solo una cosa: rassegnare le dimissioni. Meglio tornare a votare.

Carlo Meoli

Continua a leggere

Se si vuole capire il livello medio della classe amministrativa che governa nell'Agro la vicenda di Sarno ha un valore esemplare. A due mesi dalle elezioni sedici consiglieri firmano le dimissioni per mandare a casa il sindaco Mancusi. L'operazione è fatta, però, in modo talmente fanfarone e ignorante che il prefetto "semprecolorata" Pantalone non può fare altro che annullare le lettere e lasciare il sindaco al suo posto. A questo punto una persona normale si aspetterebbe che i consiglieri vadano a ripresentare le loro dimissioni. Invece no. Almeno fino a ora non è accaduto.
Da parte sua il sindaco avrebbe dovuto prendere atto che, al di là degli errori formali, non ha più una maggioranza in Consiglio e dimettersi. Sarebbe stato un gesto minimo di dignità. Mancusi, però, non ha nessuna intenzione di lasciare. Alla fine a Sarno ci sono sedici consiglieri che si erano dimessi e che...

Continua a leggere

Pubblichiamo una intervista di tre anni fa all'ex presidente del Brasile Cardoso sul problema della legalizzazione delle droghe.

La guerra contro la droga non funziona. Bisogna cambiare strategia. Intervista a Fernando Henrique Cardoso, ex-presidente del Brasile L'ex-presidente del Brasile, Fernando Henrique Cardoso (Rio de Janeiro, 1931), difende la depenalizzazione del consumo di droghe, cosi' come gli ex-presidenti di Mexico e Colombia, rispettivamente Ernesto Zedillo e Cesar Gavinia, sostiene la Dichiarazione di Vienna che vuole porre fine all'attuale strategia proibizionista che e' causa di stragi sociali e sta fomentando l'epidemia dell'Aids. La dichiarazione sara' presentata questo mese al congresso internazionale sull'Aids che si terra' a Vienna. Cardoso, membro della Commissione latinoamericana sulle Droghe e la democrazia, auspica, nella sua intervista telefonica...

Continua a leggere

In una situazione normale il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, avrebbe dovuto, già da tempo, cacciare dalla giunta l'assessore Tonia Lanzetta e marcare le distanze dal suo sponsor politico, Peppe Grassi. Diciamolo, chiaramente, una volta per tutte. In questa faida, a volte ridicola, che ha portato anche allo spiacevole episodio delle elezioni del cda del Mercato ortofrutticolo, la raccolta differenziata non c'entra assolutamente nulla.
Il vero problema, a Nocera, è il puc. Solo il nuovo piano urbanistico territoriale può muovere qualche soldo. Imprenditori famelici, che hanno precisi referenti anche nella maggioranza Torquato, stanno cominciando a muoversi. Il sindaco è sotto pressione. Per ora cerca di mediare, ma la resa dei conti è vicina. A quel punto bisognerà fare una scelta: o si mantiene, sull'urbanistica, fermo il principio che si punterà sulla riqualificazio...

Continua a leggere