info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 04/07/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Voli “low cost” a 200 euro, prezzi dei traghetti cresciuti di oltre il 20% sull’anno scorso e quasi mille euro per noleggiare un’auto per una settimana: è partito il caro vacanze. Questi sono infatti solo alcuni dei rincari dell’estate 2022 sui quali hanno lanciato l’allarme le associazioni dei consumatori. Anche perché non è escluso che i prezzi possano aumentare ancora di più. Anzi, vista la situazione, con i costi dell’energia che non accennano a calare, il rischio di ulteriori rincari è molto probabile. L’inflazione, del resto, il mese scorso si è attestata al 6,9%, un livello che non si vedeva dal 1986. Ciò significa, secondo i calcoli di Assoutenti, che una famiglia di quattro persone quest’anno spenderà circa 2.753 euro in più.

Ma tornando alle vacanze estive e a tutto ciò che ci ruota intorno, il record dei rincari a maggio è stato registrato dai biglietti per i voli i...

Continua a leggere

C'è un fatto tipicamente italico: dopo episodi tipo quelli di Fiorentina-Napoli si assiste alla fiera delle cazzate. E ti rendi conto come in questo paese la "cazzata" sia l'unica cosa veramente bipartisan. Renzi ha detto che è rimasto allo stadio solo per non consegnarlo ai violenti. Grillo ha parlato di morte della Repubblica.
Alfano ha negato qualsiasi trattativa con gli ultrà. La Lega ha proposto il Daspo a vita. L'allenatore della Roma Garcia ha detto che sono cose brutte. Saviano ci ha ricordato che alcune frange del tifo napoletano sono legate alla camorra. Il governo in coro ha chiesto ai club di isolare i delinquenti. Beretta vuole negare lo stadio a chi ha precedenti.
Potrei continuare ma evito per carità di Patria. Prima della finale di Coppa Italia ho visto, con alcuni colleghi, Everton-Manchester City. Era in ballo lo scudetto, la partita è finita tre a due per il City e il pubblico, a pochi metri dai giocatori, si divertiva. Forse dovremmo chiederci perché da loro succede e da noi no. Senza sparare le solite cazzate, per favore.

Carlo Meoli

Continua a leggere

Sfogli i giornali la mattina e ti viene voglia di scappare dall'Italia. Un gruppo di poliziotti applaude i colleghi condannati per avere massacrato di botte Federico Aldovrandi. In un paese normale sarebbero quantomeno sospesi. Da noi non accadrà nulla. In Spagna la bestia che ha tirato la banana ad Alves non potrà mai più entrare in uno stadio di calcio. Da noi chiudono le curve, sai che paura. Negli Stati Uniti il patron dei Los Angeles Clippers, squadra di basket, è stato bandito a vita dalla Nba e dovrà pagare una multa di due milioni e mezzo di dollari per i suoi apprezzamenti razzisti.
Da noi, invece, il "Corriere della Sera" ci delizia con un'intervista a Marina Berlusconi, figlia di un imprenditore pregiudicato che, ascoltate bene, non esclude in futuro un suo ingresso in politica. Veramente un paese di merda.

Carlo Meoli

Continua a leggere

Progettare la città che verrà sottintende una attenta analisi del territorio: la ricerca dei suoi guasti e la possibile risoluzione di questi; ma, soprattutto, la realizzazione di una città a misura d'uomo. Per ottenere questo occorrerà intervenire puntualmente ma con l'occhio al disegno della città che si vuole realizzare. L'obiettivo del nuovo Piano Urbanistico Comunale dovrà essere quello di garantire uno sviluppo sostenibile, legato ai principi di equità sociale, fondato sulla valorizzazione delle sue risorse e sulle sue potenzialità.
Nel processo di ridefinizione del ruolo della città e del suo futuro assetto urbano, si pone il problema di individuare delle nuove linee di politica urbana che permettano di favorire una migliore qualità della vita; nel contempo, dobbiamo ricordare che ci sarà bisogno di scelte di fondo, di ipotesi generali che forniscano il senso ed il riferimento strategico degli interventi.
Va ricordato, nel contempo, che un organismo vivente, quale è la città, non si crea a tavolino; la città cresce nel tempo, si evolve negli anni. L'aspirazione deve essere quella di offrire un contributo di cultura e sapienza tecnica, di proporre delle ipotesi che, senza pretesa di immediata attuazione, non possano essere trascurate. Ben vengano, dunque, procedure attuative che dilatino il contributo intellettuale, i concorsi di idee, la pluralità di mani che ridisegnino anche le "parti minime" della città, i convegni ed i dibattiti, le mostre, le consultazioni.
Tutto ciò conserverà il suo significato solo se inserito in un discorso unitario capace di investire i nuovi quartieri, il centro storico, il risanamento dei quartieri senza valore storico-artistico e, non dimentichiamolo, delle aree indistriali dismesse. Si tratterà, una volta individua...

Continua a leggere

In molti mi chiedono chi voterei se fossi paganese. Al di là, naturalmente, dell'astensione che è sempre scelta legittima, darei il voto ad Antonio Donato.
E' il meno peggio ma, almeno, è onesto, ha fatto per dieci anni il sindaco, ed è rimasto ancorato a sinistra, nonostante varie disavventure. Poi, a differenza di altri, ha avuto il coraggio di candidarsi. Si è messo in discussione. Per questo lo rispetto, anche se continuo a pensare che il centrosinistra poteva esprimere qualcosa di meglio.

Carlo Meoli

Continua a leggere

Ho scritto in un tweet che sto dalla parte di Pizzarotti, sindaco di Parma. Casaleggio, in una mega intervista sul "Fatto", dice molte cose. Tra queste contesta a Pizzarotti il fatto di non avere bloccato la costruzione dell'inceneritore.
Per questo dovrebbe dimettersi. Da parte sua il sindaco gli ha risposto, in sostanza, dicendo che quando si amministra alcune battaglie si perdono, altre si vincono. Gli ha ricordato la differenza tra chi sta dietro una scrivania e gestisce un server e chi, invece, ogni santo giorno, deve affrontare i problemi reali della gente.
Premesso che, stranamente, quando nel movimento qualcuno rischia di emergere viene inevitabilmente tacciato di "tradimento", credo che ci siano i fatti che parlano da soli. Il movimento, alle elezioni amministrative, ha ottenuto risultati risibili in tutta Italia. In Sardegna, poi, alle regionali, e questa sì che è ...

Continua a leggere

Il sindaco di Angri Pasquale Mauri non finisce mai di stupire. Ha attaccato il direttore dell'Asl Antonio Squillante perché l'ascensore dell'ospedale di Nocera non funziona. Ottimo. Poi scopri che Squillante è angrese come lui, è suo acerrimo avversario politico e che, sarà certamente un caso, ad Angri l'anno prossimo si vota per eleggere il sindaco. Ma, naturalmente, sono solo coincidenze.

Carlo Meoli

Continua a leggere