info@saleincorpo.it
Testata registrata presso il tribunale di Nocera Inferiore n.86 del 13/02/2017.
Direttore responsabile Alfonso Tramontano Guerritore / Editore Carlo Meoli. Questo sito non riceve contributi da enti pubblici. Sostieni Saleincorpo, sito indipendente. Puoi farlo versando un contributo a piacere e su base annua sul c/c bancario IT96G0538776270000000001187 intestato a Carlo Meoli. Causale Sostengo Saleincorpo. Grazie.
Code & Graphic by iLab Solutions
Ultimo aggiornamento il 07/07/2022

Saleincorpo

Un'idea di Carlo Meoli

Un sito di approfondimento con un pizzico di provocazione ed ironia. Un punto di vista differente rispetto alle notizie, agli avvenimenti, ai fatti e misfatti di questi ultimi anni. Dal nazionale al locale, senza nessuna preclusione.

Voli “low cost” a 200 euro, prezzi dei traghetti cresciuti di oltre il 20% sull’anno scorso e quasi mille euro per noleggiare un’auto per una settimana: è partito il caro vacanze. Questi sono infatti solo alcuni dei rincari dell’estate 2022 sui quali hanno lanciato l’allarme le associazioni dei consumatori. Anche perché non è escluso che i prezzi possano aumentare ancora di più. Anzi, vista la situazione, con i costi dell’energia che non accennano a calare, il rischio di ulteriori rincari è molto probabile. L’inflazione, del resto, il mese scorso si è attestata al 6,9%, un livello che non si vedeva dal 1986. Ciò significa, secondo i calcoli di Assoutenti, che una famiglia di quattro persone quest’anno spenderà circa 2.753 euro in più.

Ma tornando alle vacanze estive e a tutto ciò che ci ruota intorno, il record dei rincari a maggio è stato registrato dai biglietti per i voli i...

Continua a leggere

Storie di sfruttamento, ricatti, menzogne. Questo è l'universo in cui si movano gran parte dei lavoratori stagionali. Proviamo ad ascoltare le loro testimonianze raccolte dal Fatto.

 

I) Altro che stagionale… Mio marito, chef da 3 anni di un ristorante sito in centro a Napoli, conosciuto ed apprezzato, con una busta paga di 800 euro dichiarati fa circa 5 giorni di “lunga” a settimana ovvero 10.30-15.30 e attacca di nuovo alle 18 fino a mezzanotte. In tre anni mai un giorno di malattia e non perché sia mai stato male ma perché senza di lui non si fa nulla, staff sottopagato ed incompetente dato le condizioni che offrono. Ha fatto il vaccino Pfizer qualche settimana fa di sabato mattina e poi è corso al lavoro per fare due giornate consecutive della ‘lunga’ di cui sopra, ed ovviamente in piena notte ha avuto febbre e mal di testa, ma la mattina era tutto passato. Per forza. Una settimana di ferie il primo anno, due il secondo, vedremo questo. Giorni liberi: uno, a volte due ma per strappare il secondo giorno poi devi farti tutte “lunghe”, che in un mestiere del genere sono distruttive. Al nero prende altri 900 euro. Direte voi: per un totale di 1700, di che ti lamenti? Del fatto che non ha ferie, permessi, tutele, che lavora come un pazzo ma non può andare a chiedere neanche un mutuo con una busta paga del genere, che non ha diritto a malattia, che non è tutelato da nessuna legge. Anzi è qui che voglio aprire una riflessione: ispettorato del lavoro e qualsiasi altro ente conoscono bene la situazione del “nero”, del sottopagato. Nella loro cucina ci sono 4 persone che lavorano rispettivamente 24 ore settimanali e gli altri 9. Come può un ristorante stare aperto sei giorni? Chi cucina? La cosa peggiore, da denunciare, è la collusione di chi dovrebbe far r...

Continua a leggere

Due italiani su tre condividono le caratteristiche dalla legge d’iniziativa popolare sulla tassa patrimoniale proposta da Sinistra italiana. È questo il risultato del sondaggio di Swg commissionato dallo stesso partito di Nicola Fratoianni su quella che è stata ribattezzata Next Generation Tax. L’istituto di ricerca ha sottoposto a un campione di 1.200 persone alcune caratteristiche che potrebbe avere la norma proposta da Si. Il 64% è d’accordo su un’aliquota che cresce progressivamente: sui patrimoni personali da 500.000 euro è molto ridotta e assume valori significativi solo oltre i 10 milioni di euro di patrimonio. Il 62% è favorevole all’applicazione della tassa ai patrimoni personali superiori a 500.000 euro (somma tra immobili, saldo di conto corrente e investimenti finanziari). Solo il 61%, invece, vorrebbe che la tassa andasse a sostituire tutte quelle già esistenti sul patrim...

Continua a leggere

Tonnellate di pomodoro contaminato nell'Agro, zona in cui questo prezioso tesoro della dieta mediterranea dovrebbe essere "innaffiato" unicamente dal sole del sud. Fertilizzante potente e naturale. Di tutt'altra natura invece è risultato il carico di concentrato (un quantitativo record di 821mila chili di semilavorato) proveniente dall’Egitto e «largamente contaminato da pesticidi» e nocivo alla salute. 

Il sequestro

È stato sequestrato presso un'azienda dell’Agro Nocerino Sarnese, leader del settore conserviero, dai Carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare di Salerno, sotto il comando del colonnello Luigi Cortellessa e coordinati dal procuratore di Nocera Inferiore, Antonio Centore, nell'operazione "Scarlatto due". Come dire un enorme fake alimentare scoperto in fusti da 250 chili di concentrato in attesa di essere lavorato e confezionato per poi essere venduto ad ignari consumatori. Ai quali sarebbe stato spacciato soprattutto sul mercato straniero come doppio o triplo concentrato made in Italy doc. Alcune centinaia di tonnellate di questa partita sarebbero state messe già in commercio sia in Europa che nei paesi extra Ue. I due fratelli titolari dell'azienda in cui è avvenuto il sequestro sono stati denunciati per frode in commercio e per commercio di sostanze alimentari nocive. 

L'allarme 

«Suscita preoccupazione - spiega Lorenzo Bassana, responsabile economico di Coldiretti  - il fatto che in poche settimane salga nuovamente alla ribalta delle cronache un sequestro di derivati del pomodoro di importazione con problematiche, evidenziate dalle indagini, di residui non consentiti e, di conseguenza, di sicurezza alimentare. Nei primi due mesi del 2021, gli ultimi dati disponibili, risulta continuare la crescita delle importazioni...

Continua a leggere

Saman Assad

Sulle storie di Saman e Seid pubblichiamo un'analisi di Antonio Padellaro.

 

Il modo più bello, e più giusto, per conservare nei nostri cuori il sorriso del ragazzo Seid e lo sguardo della ragazza Saman sarebbe quello di abbassare la voce quando parliamo di loro. Perché sarebbe davvero orribile se intorno a quelle giovanissime vite recise s’ingaggiasse il solito scontro destra-sinistra. Quello tra i no al razzismo bellicosamente schierati contro i no all’integrazione: un lugubre derby che, purtroppo, già emerge limaccioso dai bassifondi del dibattito pubblico. Seid Visin è il ventenne di origine etiope adottato da bambino da una coppia di Nocera Inferiore, calciatore promettente nelle giovanili di Milan e Benevento, che si è improvvisamente tolto la vita. Per colpa del razzismo s’indigna la sinistra indicando le parole della sua lettera: “Ovunque io vada, ovunque io si...

Continua a leggere

Sono un cuoco e, ancora oggi stento a crederci, ma l’anno scorso ho fatto un turno da venti ore. Venti ore senza pausa e senza mangiare, in un hotel di lusso in una delle località più rinomate e visitate della Campania”: questa storia l’ha raccolta un’associazione che riunisce i lavoratori stagionali del turismo e si chiama “Oltre la Piazza”. Stona un po’con l’allarme lanciato in questi giorni da albergatori e ristoratori che dicono di non trovare lavoratori. L’associazione ha fatto una cosa semplice: ha chiesto ai suoi iscritti di raccontare le loro esperienze. La mail è esplosa: in poco tempo sono arrivate centinaia di testimonianze, così come al Fatto Quotidiano, tra commenti sui social e lettere che riguardano un metodo di lavoro strutturale, attivo 365 giorni all’anno, che con la pandemia è peggiorato. “Sono sconcertato per queste diffamazioni diffuse dai media e dai proprietari ...

Continua a leggere

Due storie tragiche, lontane 47 anni l’una dall’altra, ma incredibilmente simili. In mezzo le storie di altre morti terribili, di altri abusi, ma anche la più grande riforma della psichiatria con la legge Basaglia che ha abolito i manicomi. La prima puntata dell‘inchiesta di Spotlight, il programma di Rainews24 in onda venerdì 4 giugno alle 21.30, parte da queste storie per cercare di fare il punto sulla contenzione, pratica controversa che nessuno considera terapeutica.

1974, Antonia Bernardini muore bruciata nel letto di contenzione dove è legata da 43 giorni. È lei stessa ad appiccare le fiamme per protesta. 2019, Elena Casetto muore bruciata nel letto dove è stata appena legata. Anche in questo caso è lei stessa ad appiccare l'incendio.

Due storie tragiche, lontane 47 anni l'una dall'altra, ma incredibilmente simili. In mezzo le storie di altre morti terribili, di ...

Continua a leggere